Attività per i piccoli: il cestino dei tesori.

Il cestino dei tesori.

Con l’arrivo della bella stagione iniziamo i post con le attività per bambini, verranno suddivise per fasce d’età per avere tutto a portata di click per cui iniziamo subito con la prima fascia d’età, ovvero quella dei piccini dai 6 mesi di età.

Una delle prime proposte riguarda il CESTINO DEI TESORI, un’attività di sviluppo sensoriale adatta ai bambini dai 6 mesi in poi, prima non è controindicata ma viene richiesta come caratteristica il fatto che possano restare seduti in autonomia su di un tappeto in modo da poter prendere da soli i vari oggetti, inoltre il bambino deve essere capace di manipolare oggetti.

A differenza di ciò che si pensa, non è originario del metodo Montessori ma è stato introdotto successivamente, acquisito dalla psicopedagogista Elinor Goldshmied.

In cosa consiste questo cestino?

Consiste nel raggruppare oggetti normalissimi ma differenti tra loro per poter far sviluppare i 5 sensi del bambino.
Gli oggetti devono essere abbastanza grandi da non essere ingeriti, non devono essere spigolosi, appuntiti.

Quali età può comprendere?

Come detto sopra, l’età minima richiesta è di 6 mesi poichè fino ad allora difficilmente riusciranno a stare seduti e ad afferrare bene gli oggetti.
Va bene fino ai 10  mesi ma, è possibile utilizzarlo anche ben oltre poichè si può modificare l’attività iniziando a denominare gli oggetti per cui mentre si gioca con il bambino passandogli un oggetto gli si dice anche il nome che ripeterà quando sarà il momento, ma nel frattempo arricchisce il suo vocabolario.
Oppure chiedendogli un determinato oggetto e lui lo dovrà cercare all’interno del cesto.

In che modo sviluppa i 5 sensi?

L’utilizzo di oggetti normalissimi porterà il bambino ad esplorare in ogni modo ciò che si trova di fronte, per questo nel cestino NON vanno inseriti i classici giocattoli.
Alcuni accorgimenti in base al senso da sviluppare:

  • tattooggetti che si differiscono per forma, peso e consistenza (soffici, duri, legno, stoffa)
  • vista: diversi colori, dimensioni, lucentezza (anche specchietti)
  • gusto: in maniera molto ridotta ma possibile da inserire (metallo, legno…)
  • olfattoattraverso diversi odori
  • udito: con oggetti che tintinnano o squillano
    (movimento: prendere gli oggetti, studiarli ed esplorarli richiede sempre del movimento)

Essendo piccoli, qualsiasi cosa arriva alla loro attenzione passerà tra le mani e la bocca per cui quelli saranno i sensi che svilupperanno maggiormente.

Ora vediamo alcune tipologie di materiali da utilizzare:
  • Materiale trovato in natura :come conchiglie, tappi di sughero, pigne, una spugna naturale, piume, un’arancia, pietra pomice,
  • Materiali naturali lavorati:come un gomitolo di lana, un pennello per dipingere, uno spazzolino da denti, scopettino
  • Stoffa: una bambola, dei sacchettini di stoffa con dentro la lavanda o altre piante o fiori essiccati (ben chiusi)
  • Metallo: un cucchiaio, un mazzo di chiavi, delle formine per dolci, il campanello di una bici, il coperchio di una pentola, scatole di latta con alimenti sigillate
  • Legno: cucchiaio da cucina, una scatola portauovo, maracas, mollette per stendere il bucato, un anello da tenda grande, piccole scatole
  • Pelle: una piccola borsa o un borsellino
  • Gomma: il tappo della vasca da bagno, delle palline di diverse forme
  • Carta: scatolette di varie dimensioni e colori, un rotolo di carta da cucina o di carta igienica

 

 

Di che materiale deve essere fatto il cestino?

L’ideale sarebbe un cestino di vimini senza manici e con fondo piatto in modo che non rischi di ribaltarsi etc, ma va benissimo anche una scatola di cartone colorata.
Deve essere abbastanza grande da poter contenere tutto ciò che occorre.

Quanti oggetti servono?

Bastano 3 o 4 oggetti per tipologia per rendere il cestino completo, ma ora vedrò di dare qualche consiglio dettagliato con una piccola lista di oggetti.

Ora vediamo qualche esempio di oggetti:

sonaglini,
pigne,
palline da tennis,
cuscinetti naturali imbottiti con fiori di lavanda o chiodi di garofano,
coperchi dei barattoli della marmellata,
formine per i biscotti,
pettine di legno,
spazzola,
spazzolino da denti in setole naturali,
castagne (in sacchetti chiusi)
noci (in sacchetti chiusi)
pietre ben levigate,
spugne,
palline di varie dimensioni,
calcolatrice,
cucchiaio di legno e di metallo,
conchiglie,
tappi di sughero,
una spugna naturale,
piume,
un’arancia,
pietra pomice,
gomitolo di lana,
un pennello per dipingere,
uno spazzolino da denti,
scopettino,
una bambola di stoffa,
un mazzo di chiavi,
scatole di latta con alimenti sigillate
maracas,
mollette per stendere il bucato,
un anello da tenda grande,
piccole scatole,
una piccola borsa o un borsellino,
scatolette di varie dimensioni e colori,
un rotolo di carta da cucina o di carta igienica,
tamburello,
costruzioni di legno,
specchietti,
pirottini per i muffin sia in silicone che carta che alluminio (questi ultimi state attenti che non taglino),
varie tipologie di bottoni cucite su di un pezzo di stoffa,
un calzino con all’interno della pasta o del riso,
e molto altro…

    

Si divertiranno i bambini e sicuramente anche voi genitori!
Buon divertimento!
Cristina

Precedente Cosa non può mancare nella mia trousse. Successivo Zainetto, abbinare comodità e femminilità